Le ciliegie

Posted by

Le ciliegie sono il piccolo e gustosissimo frutto del ciliegio, un albero appartenente alla specie delle Rosacee.

Composizione.

Sono costituite per:

  • il 77-87% d’ acqua;
  • l’11-22,5% da zuccheri;
  • lo 0.1% di grassi;
  • lo 0,7-1% di proteine e da un elevato contenuto di antocianine e antocianidine, la peonidina, la pelargonidina e la cianidina.

Proprietà.

  • Proteggono il cuore, riducendo la pressione, grazie al potassio che contrasta l’accumulo di sodio, abbassando i livelli di colesterolo, frenando la perossidazione lipidica e rinforzando l’elasticità e la resistenza dei vasi sanguigni, grazie all’alto contenuto di vitamina A, C e PP.
  • Depurative. Le ciliegie contengono una buona dose di acidi organici che hanno un effetto alcalinizzante e mantengono stabile l’equilibrio acido-basico, riducendo la pelle a buccia d’arancia.
  • Facilitano la digestione degli zuccheri e l’attività epatica, grazie all’acido malico.
  • Azione antiinfiammatoria. Antociani e antocianidine potrebbero essere utili per alleviare condizioni infiammatorie come l’artrite, agendo come inibitori della COX-1 e 2, senza danneggiare lo stomaco e l’intestino. I ricercatori hanno inoltre rilevato che le ciliegie riducono i valori di acido urico, un composto che depositandosi sulle articolazioni causa infiammazione e fastidio. In più, le ciliegie contengono manganese, un minerale che preserva la salute di articolazioni e ossa.
  • Migliorano il sonno. L’European Journal of Nutrition ha rilevato che il succo di ciliegie è benefico per migliorare il sonno sia in termini di qualità che di durata, grazie ad alcuni minerali, come rame, zinco, manganese che svolgono un effetto sedativo e alla melatonina, che regola il ciclo sonno-veglia.
  • Alleate della dieta. Contengono solo 38 calorie per 100gr. Inoltre, l’alta concentrazione d’acqua e le fibre solubili favoriscono il senso di sazietà, mentre il potassio promuove la depurazione attraverso la diuresi. Una porzione è quindi un ottimo spuntino perdi-peso.

Guida all’acquisto

  • Il periodo ideale per il consumo è da maggio a fine giugno, gli unici mesi in cui vengono raccolte.
  • Ricorda sempre di non comprarle se ti sembrano acerbe. Una volta staccati dall’albero, questi frutti non maturano più.
  • Quando le acquisti assicurati che siano sode, senza ammaccature, buchi o muffe.
  • Meglio acquistarle con il peduncolo ancora attaccato. Ciò è indice di prodotto fresco e nostrano.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.