La lattuga

Posted by

La lattuga il cui nome botanico è “Lactuca sativa” è una pianta appartenente alla famiglia delle Compositae, la stessa di spinaci e bietole.

Esistono numerose varietà:

  • Cappuccina, prende questo nome perché le foglie larghe, e tondeggianti, che si chiudono a cappuccio sulla parte interna. È tenera e leggermente croccante.

  • Brasiliana, chiamata anche “iceberg” in quanto veniva originariamente confezionata e trasportata insieme al ghiaccio tritato. È un tipo particolare di insalata cappuccio, molto più croccante e resistente.

  • Gentile o Gentilina, ha foglie ondulate, con estremità arricciate.

  • Romana, ha forma allungata ed è molto croccante. Pur essendo commercializzata tutto l’anno, è preferibile consumarla in estate.

Proprietà.

  • Essendo composta per il 94% di acqua, la lattuga è un alimento in grado di reidratare il corpo umano, e risulta così indispensabile per sportivi e anziani che sono maggiormente a rischio di disidratazione.
  • Alleata della dieta. La lattuga è estremamente ipocalorica (15-25 calorie per 100 grammi di prodotto), e pressoché priva di grassi. Inoltre, grazie alle fibre, abbassa l’indice glicemico del pasto e aiuta a saziarsi. L’ideale sarebbe consumarla prima dei pasti, per mitigare l’appetito e arrivare alle portate principali già parzialmente sazi.
  • Combatte gli inestetismi della cellulite, in quanto contribuisce ad evitare i fenomeni di ritenzione idrica. Inoltre, i micronutrienti, la clorofilla, e le sostanze antiossidanti, presenti nella lattuga, aiutano a tonificare la pelle e renderla più luminosa.
  • Protegge gli occhi da malattie che possono compromettere la vista, grazie a due preziosissimi carotenoidi, la luteina e la zeaxantina.
  • Regola la frequenza cardiaca e tiene sotto controllo la pressione, per merito del potassio, di cui è particolarmente ricca (240 mg per 100 grammi di prodotto).
  • Ha proprietà rilassanti e sedative. Dal piede della lattuga appena raccolta fuoriesce una secrezione biancastra detta “lattucario”, dotata di proprietà sedative. Per questo le lattughe sono particolarmente raccomandate nei pasti serali, in quei soggetti che soffrono di insonnia o sono soggetti a risvegli notturni o semplicemente per placare il nervosismo.
  • Regola le funzioni intestinali, grazie alle fibre. Oltre il 90% di queste sono insolubili, arrivano intatte nell’intestino e hanno buone capacità lassative. In più, questo ortaggio contiene inulina, una fibra prebiotica che riduce la produzione di gas intestinale ed è utile in caso di gastrite e colite.
  • Depura dalle tossine accumulate, per mezzo della clorofilla, che attiva il metabolismo a livello cellulare, rinforza le difese immunitarie, migliora il drenaggio dei liquidi e depura il fegato.

Guida all’acquisto.

Il primo criterio di selezione è l’aspetto della foglia, che deve essere verde, fresca e croccante. Evita i cespi con foglie avvizzite o bordature giallastre, o i cespi troppo grossi con foglie più dure e fibrose.

Per conservarla fresca per una settimana lavala adeguatamente. È consigliabile mettere il cespo sotto il getto di acqua corrente e passare foglia per foglia. Evita di lasciarla in acqua per troppo tempo, in quanto si perderebbero parte delle vitamine

Successivamente, asciugala con della carta asssorbente, e poi riponila in un sacchetto di plastica e alla base del vano frigorifero.

Se acquisti invece la lattuga confezionata,

  • Acquista solo confezioni conservate nei banconi refrigerati.
  • Controlla sempre la scadenza
  • Osserva con attenzione il sacchetto o la vaschetta e scarta quelli che hanno condensa all’interno.
  • Verifica lo stato dell’insalata: la presenza di foglie annerite ai bordi o nel punto del taglio indicano che il prodotto si sta già alterando.
  • Scarta anche le confezioni con molte foglie attaccate al cellophane e dai la preferenza a quelle dove i pezzi hanno dimensioni regolari.
  • Non interrompere la catena del freddo: dopo l’acquisto, metti il sacchetto in frigo il prima possibile
  • Una volta aperta la confezione, va consumata in giornata o al massimo nel giro di 24 ore.
  • È sempre consigliabile sciacquare le insalate già tagliate, anche quando non è espressamente indicato sulla confezione. Questa operazione diventa indispensabile anche per individuare e eliminare le foglie che iniziano a marcire.

Utilizzo.

La lattuga si consuma tradizionalmente cruda ottima con avocado, mele e noci, o da abbinare come contorno a piatti di carne o pesce, il tutto condito con un filo di olio extra vergine d’oliva.

La si può anche saltare in padella, con delle spezie, senza farla appassire o bollita, ricavandone zuppe e minestre, come la vellutata di lattuga oppure in un ottimo risotto con robiola o mozzarella.

 

Annunci

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.