L’ortaggio di settembre: la zucchina.

Posted by

La zucchina, il cui nome scientifico è Cucurbita pero, è una specie della famiglia delle Cucurbitaceae, di cui fanno parte anche melone, zucca, cetriolo e cocomero.

Proprietà.

  • Alleata della linea. È formata per il 95% da acqua, ha un bassissimo indice glicemico ed è ipocalorica (solo 16 calorie per 100 gr). Inoltre, il potassio, di cui è ricca (260 mg), regola la distribuzione dei liquidi nel corpo e aiuta a smaltire quelli in eccesso, contrastando ristagni e ritenzione idrica.
  • Protegge la vista, per mezzo della luteina, che contribuisce a mettere a sicuro gli occhi da cataratta, congiuntivite e altre degenerazioni della retina dovute all’invecchiamento e allo stress.
  • Utile in gravidanza, grazie all’acido folico, presente soprattutto nella buccia. Il contenuto di acido folico di 2 etti di zucchine corrisponde al fabbisogno giornaliero di questo preziosa vitamina.
  • Scaccia-starnuto. La zucchina è anche ricca di vitamina C, che stimola il sistema immunitario e protegge l’organismo da raffreddori e influenze di stagione. Favorisce inoltre l’assorbimento di ferro a livello intestinale, contrastando l’anemia.
  • Benefica per il cuore, grazie al potassio che riduce la pressione sanguigna e regola il battito cardiaco.
  • Contrasta la stipsi. Le fibre favoriscono il transito intestinale, esercitando un’azione delicata.

Guida all’acquisto.

Il primo indice di freschezza della zucchina sono i fiori: si conservano attaccati al frutto per un massimo di due giorni dalla raccolta, per poi cominciare ad appassire. Poi occhio alla buccia, che deve avere un colore brillante e presentarsi liscia, tesa e compatta, priva di ammaccature. Infine, la consistenza : non deve essere molla al tatto, in quanto significa che sono troppo mature e stano già iniziando a perdere l’acqua al loro interno.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.