La vitamina C

Posted by

La vitamina C

La vitamina C è indispensabile per il nostro benessere e può essere assunta esclusivamente con l’alimentazione dato che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla.

  • Azione immunostimolante. Stimola le difese del sistema immunitario, soprattutto in relazione alla prevenzione e cura del raffreddore, delle sindromi influenzali e delle affezioni respiratorie.
  • Potente azione antiossidante. La vitamina C protegge dall’azione tossica di metalli pesanti, nitrosamine, nicotina da fumo e alte sostanze inquinanti (come nitriti e nitrati presenti nei conservanti alimentari). In sinergia con la vitamina E previene l’invecchiamento cellulare.
  • Contribuisce alla produzione di collagene, che costituisce la struttura di tutti i tessuti del corpo ed è necessario alle loro normali funzioni. La vitamina C è cos’ indispensabile per mantenere sani i tessuti connettivi ed è in grado di stimolare la guarigione delle ferite e delle ossa fratturate.
  • Facilita l’assorbimento di ferro, contribuendo alla sintesi di emoglobina e alla produzione dei globuli rossi. È utile in caso di anemia e nel ridurre stanchezza e affaticamento muscolare.
  • Fondamentale per l’efficienza del sistema nervoso. È necessaria per la sintesi di alcuni neurotrasmettitori e ormoni tra cui noradrenalina e serotonina, utili a mantenere un buon tono dell’umore.

Quanto assumerne?

Il fabbisogno giornaliero di vitamina C è di 75 mg per le donne e 90 mg nell’uomo al giorno. Il livello minimo è di 10 mg per prevenire lo scorbuto e se ne può assimilare fino a un massimo di circa 200 mg al giorno.

I cibi più ricchi di vitamina C (valori ogni 100 grammi di prodotto):

                                                                                             Kiwi (82-90 mg)                Arance (53.2 mg)              Limone (53 mg)         Fragole(58.8mg)

          

Ribes (41 mg)                  Ananas (48 mg)          Papaya (62 mg)

                                                                                                    Timo (160 mg)                Prezzemolo (133 mg)              Peperoncino (143 mg)

                                                                                          Peperoni (184- 127 mg)       Broccoli (89 mg)            Cavolfiore (46 mg)

Ricorda:

  • La vitamina C ha una struttura particolarmente labile, molto sensibile al calore e che viene disgregata dalla cottura, ma anche dall’esposizione all’aria e alla luce, ecco perché è fondamentale consumare gli alimenti freschi e ben conservati (il congelamento preserva la struttura e le funzioni fino all’80%).
  • Per i metodi di cottura degli ortaggi meglio preferire il vapore.
  • Caffeina e nicotina limitano l’assorbimento di vitamina C.
Annunci

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.