Il tofu

Posted by

Il tofu è un alimento che si ottiene dalla soia fermentata.Si ottiene dai suoi fagioli che, dopo l’ammollo, danno origine a un liquido bianco. Dalla coagulazione di questo “siero”, che viene mescolato al nigari (il residuo che deriva dall’acqua di mare, quando si estrae il sale), si ottiene il tofu, detto anche “formaggio di soia” perché la sua consistenza assomiglia a quella di un formaggio fresco.

A differenza dei formaggi tradizionali, però il tofu non contiene lattosio e risulta un alimento ricco di proteine vegetali, tanto da essere considerato un buon sostituto della carne, nelle diete vegetariane e vegane.

Composizione.

Il tofu è un alimento poco calorico (76 kcal per 100 grammi di prodotto), con una bassa percentuale di sale e non presenta né colesterolo né grassi saturi. Contiene:

  • proteine vegetali,
  • Omega 3 e 6,
  • Sali minerali come magnesio, fosforo, ferro e calcio,
  • fitoestrogeni,
  • flavonoidi,
  • lecitina
  • acido linoleico e linolenico.

Proprietà.

  • Utile nelle dislipidemie. Il tofu è privo di colesterolo, ricco di acidi grassi “buoni” Omega 3 e Omega 6, oltre a importanti amminoacidi come la lisina e la lecitina, che aiutano ad abbassare il colesterolo cattivo LDL, ad alzare il colesterolo HDL e ridurre i trigliceridi.
  • Contrasta l’osteoporosi, grazie al calcio di cui è ricco.
  • Svolge azione antiossidante, per mezzo dei flavonoidi che contrastano gli effetti dannosi dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento, proteggendo anche dal rischio di malattie cardiovascolari,dall’arteriosclerosi, e prevenendo tumori di origine ormonale.
  • Riduce i sintomi della menopausa, come le vampate di calore, grazie ai fitoestrogeni.

Guida al consumo e alla conservazione.

Il tofu non va mangiato crudo ma cucinato a tocchetti in padella con salse, spezie o condimenti e aromi dell’orto che possano conferirgli sapidità e gusto. Ottimo anche grigliato oppure cotto al forno, accompagnato da verdure.

Una volta aperta la confezione, la porzione non consumata va posta in una ciotola piena d’acqua, messa in frigo e consumata nell’arco di pochi giorni.

Controindicazioni.

E’ controindicato a chi è allergico alla soia o a chi soffre di intolleranze alimentari o a chi assume farmaci per la tiroide.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.