Il radicchio.

Posted by

Il radicchio.

È un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Composite, il gruppo delle cicorie. Esistono principalmente 2 gruppi in cui si dividono le tipologie di radicchio:

  • Il radicchio rosso, il più popolare, di color rubino o violaceo, appartiene a diverse varietà e forme. Tra i più noti vi sono quello di Chioggia a testa rotonda e quello di Treviso, a forma allungata, simile all’invidia.
  • Il radicchio variegato, di color verde giallastro puntinato rosso-violaceo con cespo aperto. Il più noto è quello di Castelfranco.

Proprietà.

Depura l’organismo, grazie alle sostanze amare che stimolano la produzione di bile, e aiutano a digerire i grassi contribuendo a mantenere in buona salute il fegato. L’espulsione delle tossine è anche favorita da un aumento della secrezione dei succhi gastrici, che favorisce la digestione, e dall’azione diuretica sui reni.        Per la sua capacità di eliminare i batteri patogeni viene spesso utilizzato in caso di vermi intestinali o infezioni ed è particolarmente indicato nel periodo invernale, quando lo stress e i primi virus favoriscono l’accumulo di scorie acide.

Combatte la stipsi, grazie alle fibre. Il radicchio contiene ben 3gr di fibra su 100 grammi di prodotto.

Antiossidante. Questo ortaggio contiene un livello elevato di antiossidanti, che combattono i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare. Questi polifenoli preservano l’elasticità dei tessuti, irrobustiscono i vasi sanguigni e migliorano l’ossigenazione della pelle.

Blando sedativo, grazie al triptofano un amminoacido essenziale che favorisce la distensione del sistema nervoso e che è in grado di contrastare insonnia, ansia e stress.

Utile nelle diete ipocaloriche. Il radicchio contiene solo 13 calorie per 100 grammi, e inoltre grazie al contenuto di fibre aumenta il senso di sazietà aiutando a controllare lo stimolo della fame.

Come consumarlo?

Si gusta in pinzimonio, nelle insalate e grigliato. Per smorzare il sapore amaro, si può abbinare ad alimenti dolci come l’aceto balsamico oppure si può mescolare alle arance affettate, al finocchio a rondelle o a qualche cipollina in agrodolce. Grigliato, il radicchio rappresenta un buon secondo piatto, è molto saziante e appetitoso: basterà condirlo con un filo d’olio extravergine e accompagnarlo con una ciotola di riso basmati integrale o una porzione di ricotta magra.

Controindicazioni.

Non dovrebbe essere consumato da chi soffre di calcoli e coleocististe, oltre che di ulcera gastroduodenale. Anche durante l’allattamento e in gravidanza, sarebbe opportuno ridurne il consumo, in quanto si tratta di un alimento che può avere degli effetti stimolanti sull’utero.

Non sono, poi, da escludere casi di reazioni allergiche, per cui occorre prestare attenzione se si è dei soggetti predisposti.

Il consiglio è, quindi, quello di chiedere il parere al proprio medico prima di consumarlo, soprattutto in presenza di malattie, in gravidanza e durante l’allattamento.

 

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.