Antibiotico resistenza

Posted by

Oggi 18 novembre si celebra la Giornata Europea della Consapevolezza sugli Antibiotici, un’iniziativa di sanità pubblica promossa dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (ECDC), che ha come obiettivo la sensibilizzazione sulla minaccia rappresentata dalla resistenza agli antibiotici, nonché sull’uso prudente degli antibiotici stessi.

L’Italia è tra i Paesi in cui si fa un uso maggiore, molto spesso inappropriato, di questi medicinali e in cui i tassi di resistenza sono tra i più elevati e preoccupanti in Europa. Un uso responsabile e appropriato degli antibiotici è fondamentale per contrastare il trend crescente della resistenza batterica agli antibiotici che ne mette seriamente a rischio l’efficacia anche contro infezioni comuni come la polmonite, la tubercolosi, la sepsi o la gonorrea.

Se assumiamo antibiotici con troppa frequenza, e in maniera impropria, contribuiamo ad aumentare la resistenza dei batteri agli antibiotici, che rappresenta uno dei problemi di salute più pressanti a livello mondiale. Di conseguenza, se in futuro tu, i tuoi figli o altri famigliari doveste avere bisogno di antibiotici, potrebbero non funzionare più.

Alcune semplici regole che possiamo seguire:

1. Gli antibiotici possono essere prescritti soltanto da un medico dopo che ti ha visitato.

Molte malattie invernali possono causare gli stessi sintomi, ma potrebbero richiedere trattamenti diversi. Se per una precedente malattia ti è stato prescritto un antibiotico che ti ha aiutato a guarire bene, in presenza di sintomi simili potresti essere tentato ad assumere lo stesso farmaco. Tuttavia, solo un medico può stabilire, dopo averti visitato, se sia indicata la terapia antibiotica.

2. Gli antibiotici non sono antidolorifici e non possono curare ogni malattia.

Gli antibiotici non agiscono come un antidolorifico e non possono alleviare mal di testa, dolori di vario genere e intensità, o febbre.  Gli antibiotici sono efficaci soltanto contro le infezioni batteriche, mentre non aiutano a guarire dalle infezioni causate da virus come il comune raffreddore o l’influenza.  Fino all’80 % delle malattie invernali a carico di naso, orecchie, gola e polmoni è di origine virale, per cui l’uso di antibiotici non servirà a migliorare il tuo stato di salute.

3. Assumere antibiotici per ragioni sbagliate, come per un raffreddore o un’influenza non ti aiuterà a guarire prima e potrebbe causarti effetti collaterali

Prendere antibiotici contro il raffreddore o l’influenza non porta alcun beneficio, semplicemente perché gli antibiotici non hanno alcun effetto sulle infezioni virali. Inoltre, gli antibiotici possono provocare spiacevoli effetti collaterali come diarrea, nausea o eruzioni cutanee. L’assunzione di antibiotici contro infezioni batteriche lievi, tra cui rinosinusiti, mal di gola, bronchiti o otiti, risulta spesso superflua poiché, nella maggior parte dei casi, il tuo sistema immunitario è in grado di difendersi da queste infezioni. La maggior parte dei sintomi può essere alleviata con farmaci senza bisogno di prescrizione. L’assunzione di antibiotici non riduce la gravità dei sintomi e non ti aiuterà a guarire prima. Se i sintomi persistono o se sei preoccupato, la cosa migliore è rivolgersi al tuo medico curante.

4.Prenditi il tempo per guarire

Impara ad avere cura di te senza usare antibiotici. Per la maggior parte delle malattie invernali, le tue condizioni miglioreranno dopo due settimane. Durata indicativa dei sintomi negli adulti per la maggior parte delle malattie invernali:

  • Otite –> Fino a 4 giorni
  • Mal di gola –>Fino a 1 settimana
  • Raffreddore –>Fino a 1 ½ settimane
  • Influenza –> Fino a 2 settimane
  • Naso che cola o naso chiuso –>Fino a 1 ½ settimane
  • Sinusite–>Fino a 2 ½ settimane
  • Tosse (che spesso subentra a un raffreddore)–>Fino a 3 settimane​

Se i sintomi persistono o se sei preoccupato, la cosa migliore è rivolgersi al tuo medico curante.

Chiedi consiglio al tuo farmacista: altri medicinali possono aiutarti ad alleviare i sintomi

Il tuo farmacista può raccomandarti medicinali senza prescrizione che possono contribuire ad alleviare i sintomi. Chiedi sempre un parere professionale, soprattutto se stai assumendo medicinali per curare altre malattie.

  • Gli antidolorifici e gli antipiretici alleviano dolori di vario tipo e abbassano la febbre.
  • I medicinali antinfiammatori, come gli spray o le pastiglie per la gola, possono facilitare la deglutizione.
  • Gli espettoranti orali facilitano l’eliminazione delle secrezioni presenti nelle vie aeree.
  • Gli spray nasali e i decongestionanti ti aiutano a respirare meglio.
  • Gli antistaminici alleviano sintomi quali prurito, starnuti e secrezione nasale.

Un ottimo rimedio per qualsiasi malattia invernale consiste nell’assumere molti liquidi e restare a riposo.

Annunci

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.