L’anguria.

Posted by

L’anguria è uno dei frutti simboli dell’estate. La pianta appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee.

Proprietà:

  • Dissetante e ipocalorica. Grazie all’elevato contenuto di acqua (oltre il 95%) l’anguria possiede una notevole capacità dissetante e svolge una buona azione diuretica, contrastando la ritenzione idrica e la cellulite. Inoltre, nonostante il gusto dolce, l’anguria ha pochi zuccheri (5%) e ha un basso contenuto calorico, 20-30 calorie per 100 grammi di prodotto.
  • L’anguria è fonte di vitamine (A, C, B1, B6) e di minerali (come potassio e magnesio), utili per sconfiggere la stanchezza e per reintegrare i sali minerali persi in estate, a causa dell’aumento della sudorazione, dovuta al caldo.
  • Fa bene a chi pratica sport. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Sport Nutrition, tale frutto aumenta la produzione di proteine rigenerative, che formano i muscoli e riparano i mitocondri, mantenendo alti i livelli di energia. Inoltre, essendo ricca di potassio, aiuta a regolare la contrazione muscolare, prevenendo i fastidiosissimi crampi.
  • Protegge la vista, grazie alla luteina, che evita gli effetti negativi dei raggi UV, e riduce il rischio di degenerazione maculare e cataratta.
  • Ha effetti antiossidanti, grazie al licopene, e al beta carotene, che contrastano l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare, e inibiscono la produzione di molecole ed enzimi pro-infiammatori.
  • Fa bene all’apparato cardiovascolare, in quanto la citrullina favorisce l’elasticità delle arterie e migliora gli scambi di ossigeno a livello cellulare, con effetti benefici sulla pressione.
  • Alleata della pelle, poiché in grado di proteggerla dai raggi UV e di migliorane l’aspetto, rendendola più tonica ed elastica.
  • Aumenta la libido, per mezzo della citrullina che aumenta la produzione di argina, che aiuta a dilatare i vasi sanguigni e a migliorare l’afflusso di sangue verso gli organi genitali.

 Guida all’acquisto e al consumo.

Quando acquistate l’anguria intera controllate la buccia, che deve essere liscia, dura, dal colore verde brillante e colpendola leggermente con le nocche della mano il suono deve risultare sordo e profondo. Se l’acquistate già tagliata, verificate che la polpa non presenti strisce bianche e semi chiari perché significa che non è maturo.

L’ideale è mangiarla come spuntino o merenda. Non assumerla mai a fine pasto, perché il suo alto contenuto idrico diluirebbe eccessivamente i succhi gastrici, rendono laboriosa la digestione.

Annunci

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.