L’alitosi

Posted by

L’alitosi è un disturbo caratterizzato dall’emissione di odori sgradevoli dalla bocca, respirando o parlando.  E’ un problema per un italiano su quattro.

L’alitosi è provocata da diversi fattori ma il comune denominatore è la proliferazione di batteri che si nutrono di cibo e producono sostanze volatili contenenti zolfo, principali responsabili dell’alito cattivo.

Cause

  • Alimentazione. È noto che alcuni cibi (quali aglio, cipolle e alcune spezie) sono cause comuni di un respiro poco gradevole. Questi alimenti entrano nel flusso sanguigno, arrivano ai polmoni e influenzano l’alito.
  • Ritroviamo poi anche le diete squilibrate o troppo restrittive, che impoveriscono la flora batterica degli elementi necessari per svolgere le sue funzioni, favoriscono la produzione di muco che intasa il tubo gastroenterico lungo tutto il percorso, depositandosi anche sulla lingua. La presenza di questa platina biancastra sulla lingua a sua volta costituisce un eccellente supporto per la proliferazione dei microorganismi, responsabili dell’alitosi.
  • Secchezza delle fauci, che è causata da una scarsa idratazione, dal respirare a bocca aperta, dal tabacco, da alcuni farmaci, o dallo stress
  • Problemi dentali, in particolare carie, infezioni, paradontiti, denti da devitalizzare e ferite chirurgiche.

Infine, l’alitosi può essere provocata da:

  • raffreddori o infiammazioni di tonsille e naso;
  • sovra caricamento epatico;
  • reflusso gastroesofageo.

Trattamento.

Per combattere l’alitosi bisogna innanzitutto idratarsi a sufficienza, per evitare la secchezza delle fauci, e avere una corretta igiene orale.

Possiamo poi utilizzare Spray contenenti un mix di sostanze che hanno un effetto sinergico a base di:

  • chitosano con effetto tamponante, tea tree oil ed estratto di semi di pompelmo con proprietà antisettiche e l’aloe vera purificante;
  • Sali di zinco con effetto diretto sull’alitosi, ed estratti vegetali di aloe e calendula che proteggono le gengive, e sanguinaria e propoli, con effetto antiplacca.

Collutori a base di acetato di zinco e clorexidina.

Annunci

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.